Progettazione e Realizzazione

Progettazione e Realizzazione Bio Laghetti e Biopiscine dal vivaio Eta Beta

Un laghetto deve inserirsi in modo armonioso nel giardino.

È importante avere le idea chiare su quello che si vuole fare. La costruzione di un laghetto comporta lavori importanti, una volta terminati è difficile fare marcia indietro ed è oltremodo faticoso e dispendioso cambiare progetto in corso d’opera. Si desidera realizzare uno stagno per carpe giapponesi o un giardino acquatico ricco di piante e fiori, si preferisce un mini-laghetto da installare fuori della porta di casa o un biolago tanto grande da usarlo per un bagno.

Tutto è possibile a patto di realizzare un progetto ben studiato. Prima di iniziare maturiamo con molta calma l’idea di partenza.

 
 
 

È necessario avere un’idea precisa e personale del progetto. Più un giardino acquatico si integra armoniosamente con quello che lo circonda più l’effetto ricercato è raggiunto e più ha l’opportunità di esprimere tutte le sue potenzialità.

Per semplificare possiamo classificare i laghetti in due grandi categorie: laghetti geometrici e laghetti naturali.

I primi possono essere rotondi, quadrati, rettangolari o esagonali. Sono più indicati per giardini molto costruiti, ben strutturati e saranno costruiti in prossimità della casa, vicino o su terrazze o all’incrocio di due viali. Il loro aspetto classico richiede un ambiente circostante sobrio e poche piante acquatiche. Qualche ninfea apporta un tocco di colore e i giochi d’acqua sono i benvenuti.

Le forme naturali sono oggi giorno più ricercate perché si integrano più facilmente in un giardino. Ricchi di piante acquatiche e piante palustri creano un contatto più intimo con la natura. Cascate e ruscelli trovano in questo contesto il loro ambiente naturale.